A cosa assomiglia la mia infanzia? Se m’aveste posto questa domanda qualche anno fa, vi avrei risposto che non lo sapevo. La mia infanzia è stata talmente faticosa che il solo modo per sopravvivere era stato cancellare tutto, i buoni e i cattivi momenti. Ero incapace di apprezzare qualunque cosa, ero apatica.

Quando ho cominciato a frequentare Al-Anon, tutto è risalito alla superficie e, oggi, posso dirvi a che cosa assomiglia un’infanzia in una famiglia di un alcolista.

È paura. Una paura costante e dominante – paura di essere rifiutata, paura di essere amata, paura dell’ignoto, paura del futuro -, una paura che non si ferma mai e che vi prende alla pancia.

È la solitudine. È il desiderare con tutta l’anima di avere degli amici, facendo nello stesso tempo il possibile per respingerli il più lontano possibile.

È la vergogna. Ho paura di ciò che pensano gli altri, ho paura che scoprano la mia famiglia, ma anche quella che sono io realmente.

È un bisogno da colmare. È essere convinta che non sono né amata né amabile. È un bisogno di sentirsi ripetere “Tu sei meravigliosa!” e non crederci mai. È avere l’impressione di non valere abbastanza. È aver bisogno di fare cose per gli altri per poter guadagnare il loro amore, continuando ad avere l’impressione di non dare mai abbastanza.

È la mancanza di fiducia. È farmi dire che non ho visto ciò che è giusto vedere e credere agli altri invece di credere ai miei occhi. È non essere mai capace di dare fiducia a chiunque – e, soprattutto, non a me -.

È non avere più scelta. È sentirmi sempre la vittima e prendermela con gli altri per ciò che mi capita anche se non è colpa loro.

Quando la mia vita era completamente caotica, qualcuno mi ha suggerito di andare ad Al-Anon.

Siccome ero una vittima obbediente, ho fatto ciò che mi si diceva. È l’unica volta in cui questa strategia mi è stata utile! Oggi, grazie ad Al-Anon, curo le ferite che sono state mie quando ero ragazza. Mi isolo meno. Non soffro più così tanto per la paura. Ho imparato a credere in me stessa e a dare fiducia agli altri. Ho anche imparato a ridere di me!