pourlespros_italientiweb

Aiutarci ad aiutare…

È facile che le persone toccate dall’alcolismo di un parente siano incapaci di rendersene conto e di riconoscere il legame tra i mali fisici e psichici che provano, e il problema d’alcol di un’altra persona.

I sintomi fisici, la negazione e l’inquie- tudine possono istau- rarsi all’infinito finché qualcuno dall’esterno, generalmente un professionista del sociale o della sanità, riesce ad identificare il problema e ad offrire comprensione e orientamento.

Non è facile, la prima volta, varcare la soglia di una riunione. Compiendo questo gesto, riconosciamo implicitamente che esiste il problema e che abbiamo bisogno d’aiuto. È già tanto. Più del 40% dei partecipanti ad Al-Anon e il 25% dei partecipanti ad Alateen (i gruppi per bambini ed adolescenti) ci è arrivato grazie al consiglio di un professionista della salute e ai suoi incoraggiamenti.

Questo sondaggio mostra anche che il 59% dei partecipanti ad Al-Anon e il 69% dei partecipanti ad Alateen chiede l’aiuto di professionisti dopo aver assistito a delle riunioni Al-Anon/Alateen. Le riunioni Al-Anon/Alateen sono compatibili con tutti i tipi di terapie professionali.